info ed eventi_brendola_new
 
13/04/2018 Informazioni
La riforma del Fondo Centrale di Garanzia L.662/6 PMI: tutte le novità

E’ ormai prossima l’entrata in vigore della Riforma del Fondo di Garanzia per le PMI, che comporterà una radicale modifica del funzionamento del Fondo stesso, con l’applicazione di un nuovo modello di rating.
La finalità principale della Riforma è infatti l’adozione di un modello di valutazione del merito creditizio delle imprese, simile ai modelli di rating utilizzati dalle banche, che sostituirà l’attuale sistema di credit scoring. La garanzia pubblica verrà differenziata in funzione del profilo di rischio dell’impresa: l’obiettivo finale è quello di sostenere le imprese giudicate più a rischio. Il modello di rating del Fondo sarà applicato a tutte le operazioni finanziarie ammissibili al Fondo stesso, fatta eccezione per le nuove imprese, le start-up innovative e gli incubatori certificati, le operazioni di microcredito ex art. 111 TUB, le operazioni di importo non superiore a 25.000 € per singolo beneficiario - ovvero a 35.000 € qualora presentate da un soggetto garante autorizzato - e le operazioni a rischio tripartito.
Anche le misure di copertura del Fondo saranno definite in funzione della classe di merito di credito del soggetto beneficiario, della tipologia e della durata dell’operazione finanziaria garantita. 

Immagine convegno generica


Il Fondo potrà intervenire in diverse modalità: in garanzia diretta, in controgaranzia, attivabile in caso di doppio default, sia dell’impresa beneficiaria che del soggetto garante, e in riassicurazione. Una novità è l’introduzione, solo per i soggetti garanti autorizzati, delle operazioni a rischio tripartito fino ad un importo massimo di 120.000 euro. In tali operazioni il rischio è paritariamente ripartito tra Fondo, soggetto finanziatore e soggetto garante. L’accesso a tale modalità non richiede l’applicazione del modello di valutazione. Quest’ultima è infatti delegata ai soggetti finanziatori e ai soggetti garanti: a vantaggio delle PMI, tali soggetti non possono acquisire garanzie reali, bancarie o assicurative a carico dell’impresa.
L’entrata in vigore non sarà prima del 12 maggio 2018: occorre attendere la pubblicazione della Circolare sulle Disposizioni operative da parte del Gestore Mcc.
Tutte le novità saranno approfondite durante il Convegno del 19 aprile presso il CUOA di Altavilla (la partecipazione è gratuita ed è possibile registrarsi cliccando qui) e al termine dello stesso i partecipanti potranno chiedere chiarimenti agli specialisti di Iccrea BancaImpresa. 

Dati societari
Cassa Rurale ed Artigiana di Brendola Credito Cooperativo - Società Cooperativa
Piazza del mercato, 20 - Cap 36040 - Brendola (VI) - P.Iva 00275710242
Indirizzo PEC: 08399.bcc@actaliscertymail.it
Realizzato da Iccrea Banca