info ed eventi_brendola_new
 
30/09/2014 Avvisi
Estensione dell’obbligo di utilizzo del modello F24 telematico dal 1 ottobre 2014

 

L’articolo 11 del D.L. n.66/2014, convertito in Legge n.89/2014, al fine di ridurre il costo della gestione cartacea dei modelli F24 e velocizzare la rendicontazione delle compensazioni dei crediti d’imposta, dal 1 ottobre 2014 ha imposto le seguenti limitazioni nel pagamento dei modelli F24 cartacei a tutti i contribuenti privati e titolari di partita IVA:

  • modelli il cui ammontare del saldo finale sia a zero per effetto di compensazioni: il pagamento si può effettuare esclusivamente tramite F24 ONLINE/F24 WEB (utilizzabile da qualsiasi contribuente registrandosi ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate) e F24 CUMULATIVO (utilizzabile dagli intermediari abilitati a Entratel come ad esempio i commercialisti). E’ esclusa la possibilità di utilizzare la modalità cartacea o remote/home banking;
  • modelli il cui ammontare del saldo finale sia a debito con compensazioni: il pagamento si può effettuare esclusivamente tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate indicati al punto 1 e mediante i canali telematici bancari (remote/home banking);
  • modelli il cui ammontare del saldo finale sia a debito e superiore a 1.000,00 euro senza compensazioni: il pagamento si può effettuare esclusivamente tramite i servizi telematici di cui al punto 2;
  • modelli il cui ammontare del saldo finale sia a debito e pari o inferiore a 1.000,00 euro senza compensazioni: il pagamento può essere effettuato tramite tutti i canali disponibili compreso il cartaceo dai privati ed esclusivamente in modalità telematica dai titolari di partita IVA. Si ricorda che per questi ultimi l’obbligo del pagamento telematico è già in vigore da qualche anno, anche se le banche potevano effettuarne ugualmente l’incasso con modello cartaceo.

La successiva circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 27 del 19/09/2014 consente il pagamento tramite F24 cartaceo nei seguenti ulteriori casi:

  • F24 precompilati dall’ente impositore (ad es. Agenzia delle Entrate, Comuni, ecc.) con saldo finale superiore a 1.000,00 euro senza compensazioni;
  • fino al 31.12.2014 versamenti rateali in corso (ad es. quelli che derivano dalla dichiarazione dei redditi Unico) effettuati da contribuenti non titolari di partita IVA anche per importi superiori a 1.000,00 euro e/o utilizzando crediti in compensazione, oppure se il saldo del modello è pari a zero;
  • F24 con saldo >1.000,00 euro senza compensazioni presentati da contribuenti impossibilitati a detenere un conto corrente che non riescono ad usufruire di canali telematici senza addebito in conto corrente (es. commercialista che addebita il proprio conto o banca che addebita carta ricaricabile);
  • F24 con saldo maggiore di zero con compensazioni presentati da contribuenti impossibilitati a detenere un conto corrente; in questo caso la delega dovrà essere riversata in modalità telematica come descritto al punto 3, oppure, nel caso in cui tali canali non siano disponibili, dovrà essere pagata in due soluzioni predisponendo una delega con saldo a zero da inviare tramite i canali dell’Agenzia delle Entrate e una delega cartacea per riversare l’eccedenza dell’importo dell’imposta a debito che non è stata compensata con la delega a zero.

 

Tabella riassuntiva delle nuove modalità di pagamento

Banner1
 
Dati societari
Cassa Rurale ed Artigiana di Brendola Credito Cooperativo - Società Cooperativa
Piazza del mercato, 20 - Cap 36040 - Brendola (VI) - P.Iva 00275710242 - Centralino 0444/705511 - Indirizzo PEC: 08399.bcc@actaliscertymail.it
Realizzato da Iccrea Banca